News

Senza Parole, il corso di formazione si ripete

By 21 Gennaio, 2020 No Comments

Il corso di Formazione sui Libri senza Parole si ripete grazie ai tantissimi iscritti e iscritte.

I libri senza parole sono straordinari strumenti per superare barriere linguistiche e culturali e creare ponti di apprendimento.
Il corso è pensato come formazione esperienziale, con cui sperimentare in prima
persona l’utilizzo di questa tipologia specifica di libri.
La Biblioteca Attiva di Ariccia possiede una delle maggiori collezioni in Italia di
Libri Senza Parole e si propone come luogo privilegiato di apprendimento in questo
senso.

Il corso è pensato per un massimo di 20 partecipanti.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Si richiede un contributo per i materiali di Euro 10 a partecipante

Programma del corso:
– Breve introduzione panoramica sui libri senza parole, sulle tipologie esistenti e sulle
possibilità offerte
– Esempio di lettura collettiva e di attività laboratoriale di rielaborazione dell’esperienza.
– Lavoro a gruppi: Ciascun gruppo lavorerà a partire da un Libro senza Parole, per
sperimentarne la lettura e le possibilità didattiche. Ogni gruppo restituirà il lavoro svolto a
tutti i partecipanti con una lettura collettiva ed una breve presentazione delle attività che
potrebbe legare a quel libro.
– Ciascun gruppo può sviluppare nel tempo un’attività didattica e laboratoriale, da proporre
agli altri insegnanti durante l’anno scolastico 2019/2020 presso la Biblioteca Attiva, in modo
da mettere in pratica le competenze specifiche acquisite e condividerle con gli altri.
Tempi e modalità di questi incontri saranno stabiliti col gruppo a seconda della risposta e
delle esigenze riscontrate.
Obbiettivi del corso:
– Prendere dimestichezza con la lettura in classe di libri senza parole
– Riuscire a guidare un gruppo nella lettura delle immagini, dando loro un significato
– Sviluppare il pensiero ed il senso narrativo
– Sperimentare le possibilità di apprendimento e arricchimento linguistico derivanti dalla
lettura delle immagini
– Stimolare la concentrazione e l’osservazione
– Sviluppare l’attenzione per i dettagli
– Stimolare riflessioni e scambi di idee
– Immaginare attività didattiche e laboratoriali a partire dai libri senza parole
– Sviluppare la relazione educativa intorno ad un libro
– Imparare a dare valore a strumenti educativi belli e di qualità
– Sviluppare la possibilità di relazione tra chi parla lingue diverse
– Dare valore alle competenze e conoscenze di tutti, riconoscendole in un’esperienza collettiva
– Contribuire a sviluppare un immaginario ricco e complesso